2 Marzo 2016

0031 // Diario di Parto

Negli scatti di Esposito troviamo la cronaca di quello che lui e la sua compagna Monica – e molte altre coppie, tutti i giorni e in tutto il mondo – hanno dovuto e devono affrontare: un’attesa durata oltre nove mesi che ha raggiunto il suo culmine nell’ultimo periodo passato tra stress, visite e falsi allarmi. 

Nell’alternarsi delle sequenze in bianco e nero pare di sentire il ticchettio degli orologi, i bip dei macchinari, i pranzi insipidi delle mense, i silenzi delle sale d’attesa, le urla strazianti del parto, le risate dei parenti e il pianto dei neonati; la stanchezza, l’angoscia e il dolore ai quali la donna è naturalmente destinata e costretta per dare la vita. Tutto questo vissuto in strutture obsolete, fatiscenti e tristi: gli ospedali. 

Un lungo viaggio, non privo di impedimenti e momenti difficili che sono andati a stravolgere completamente la vita quotidiana di due persone che, dal 25 gennaio, sono diventate tre. 

Ne sarà valsa la pena? Che domande.

A cura di Ignazio Caruso

Il 1° Aprile del 2016 “0031 – Diario di Parto” viene pubblicato su “D Repubblica“, rivista indipendente del quotidiano “Repubblica”.

“Il settimanale si distingue per il suo format “di rottura” rispetto ad altre pubblicazioni femminili, dando ampio spazio a temi di attualità attraverso contributi giornalistici presi a prestito dalla Repubblica, rendendolo apprezzabile anche da un pubblico maschile.”
Fonte: Wikipedia

Clicca qui per leggere l’articolo a cura di Federico Biserni.

Scroll Up